Perchè Lean e Agile?

02/07/2018

“Il 41% dei progetti odierni è ad alta complessità” (*),
il che si traduce in budget quasi duplicati ma, soprattutto, in rischi duplicati (senza quasi).

Come sapere se si è coinvolti in questa percentuale? Semplice, tutti lo sono!
Ed è per “colpa” di quella cosa chiamata VUCA, ossia l’attuale mondo del business sempre più volatile, incerto, complesso e ambiguo.
Competere in un ambiente con queste caratteristiche è la sfida principale di tutte le aziende, a prescindere dal settore e dal ruolo occupato.

Si prevede (*2) che entro il 2030, oltre il 33% delle attività lavorative potrebbero essere sostituite/eliminate. E ciò si traduce in 800 milioni di professionisti senza lavoro e 375 milioni avranno bisogno di acquisire nuove skills per nuovi ruoli.

Il pacchetto di “hard skills” rimane fondamentale ma non basta: per raggiungere l’efficacia bisogna aggiungere un approccio differente, “Adaptive”, caratterizzato da collaborazione, innovazione, pensiero fuori dagli schemi, flessibilità, …

Efficaci alleati per raggiungere questi nuovi obiettivi sono Lean e Agile.

LEAN: il lavoro

“Lean” significa migliorare – virtualmente – tutto ciò che si fa,
grazie al continuo impegno nell’individuare
e poi eliminare quelle attività che non producono valore.

AGILE: le persone

“Agile è un insieme di valori e principi
che ispirano un certo tipo di comportamento:
l’attenzione al generare valore e collaborare per esso”
Michael Maretzke

Non è però così semplice adottare queste nuove strategie.
Le sfide che un’azienda deve affrontare sono molteplici:

  • L’Agile è nato nell’IT e viene ora adottato da aziende NON IT;
  • L’Agile non ha un vero e proprio “body of knowledge” ma è in costante movimento, oltre che strettamente legato alla realtà in cui viene adottato;
  • Occorre comprendere perchè si intraprende questo cambiamento e cosa richiede;
  • Questa adozione viene spesso limitata ad un progetto singolo;
  • Il coinvolgimento e la flessibilità della Leadership è una condizione non negoziabile e al contempo difficile da ottenere;

Il punto chiave è innanzitutto capire che l’Agile non è solo un insieme di tecniche e tools ma è soprattutto una filosofia.

Noi di Strategy Execution abbiamo ripensato il nostro Curriculum di Agile Project Management con l’obiettivo di supportare aziende e professionisti in questo complicato momento. Siamo orgogliosi di proporre training efficaci per aiutare i nostri clienti nell’approccio, nella comprensione e nell’adozione delle nuove “metodologie”, fondamentali per rimanere competitivi nell’odierno business.

Scarica la Brochure “ADAPTABLE LEAN AND AGILE” per scoprire le nostre soluzioni.
Le prime edizioni del reboot sono previste per Ottobre 2018, riserva ora il tuo posto in aula!

Per maggiori informazioni, contattaci:

Cristina Ferrarotti
Project Leader, Training and Development Manager
 02 83847.210   cristina.ferrarotti@strategyex.it
Concetta Chiaravalloti
Customer Relations, Personal Advisor
02 83847.263   concetta.chiaravalloti@strategyex.it

(*) PMI’s Navigating Complexity Study
(*2) McKinsey Study

© 2018 Michael Jebber, Director Lean and Agile – Strategy Execution